Sostegni ter, Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): «Rincaro prezzi e revisione appalti: servono misure per i Servizi»

Febbraio 14, 2022

«Confindustria Servizi HCFS denuncia la grave discriminazione che sta subendo il mondo dei Servizi. Il decreto sostegni ter introduce una integrazione al codice dei contratti pubblici importante, ma  che non può valere solo per il mondo delle opere pubbliche». Lo comunica Confindustria Servizi Hcfs, la federazione confindustriale presieduta da Lorenzo Mattioli, a margine dell’audizione presso la commissione bilancio del Senato [inserire nomi delegazione].

«Riteniamo indispensabile che venga previsto un meccanismo di revisione dei prezzi per gli appalti in corso d’opera “a compensazione “anche per il settore che rappresentiamo dal momento che in base ai dati Istat si registra un aggravio dei costi ricompreso in un range tra il 20% e 25%. Si sta chiedendo quindi alle aziende di mantenere in essere il servizio alle condizioni pre-covid e pre- aumenti energetici e allo stesso tempo di ammortizzare anche i maggiori oneri.

«Se la modifica introdotta cerca di risolvere il caro prezzi che sta incidendo sul mondo dei lavori da costruzione- ha detto Mattioli  – questo deve valere anche per le erogazioni dei sevizi che sono normate dallo stesso codice. Da anni denunciamo che il codice dei contratti è ‘lavoricentrico’, ossia fortemente sbilanciato sui lavori pubblici, quando i servizi apportano all’economia del Paese  valori molto superiori alle opere, interessando una platea di 500mila lavoratori.

Come rappresentante delle aziende del facility, pulizie e sanificazione, lavanderie industriali e dispositivi di protezione individuale, ristorazione collettiva, disinfestazione farò di  tutto per non lasciare soli quegli imprenditori che durante l’emergenza pandemica si sono presi cura di sanificare e mettere in sicurezza il Paese.

Credo che il governo tutto – i ministri Giovannini e Orlando in particolare- comprendano quali possano essere gli effetti di una tale disposizione. Chiediamo che anche per i contratti in essere valga la compensazione, e che per i motivi legati alla Pandemia l’istituto della rinegoziazione dei contratti per lavori, servizi e forniture  sia automatico e obbligatorio per le stazioni appaltanti, soprattutto quelle pubbliche. Inoltre i criteri utilizzati per indicizzare la variazione dei prezzi e dei costi richiedono con urgenza un adeguamento alla situazione reale del paese e non a epoche di regime normale molto differenti da quelle che stiamo tuttora vivendo». Oltre a Mattioli, hanno partecipato all’audizione il direttore Matteo Nevi, il segretario generale Barbara Fiorucci vicepresidenti Pietro Auletta (Uniferr), Egidio Paoletti (Assosistema), Paolo Valente ( segretario generale ANIR).

Articoli Recenti

FEDERAZIONE
ANIR

Codice Appalti

“Il Nuovo Codice degli Appalti è arrivato il 5 gennaio 2023 in Parlamento; alla Camera dei Deputati è stato assegnato per il parere alla Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e poi per prassi anche alla Commissione Bilancio e Tesoro e alla Commissione Politiche dell’Unione Europea mentre al Senato è stato assegnato alla Commissione Ambiente, […]

Leggi tutto

ANIP

Mattioli (Anip Confindustria) nuovo presidente dell’associazione d’imprese europea EFCI

Nomine, Mattioli (Anip Confindustria) nuovo presidente dell’associazione d’imprese europea EFCI Lorenzo Mattioli, presidente di ANIP Confindustria e della federazione Confindustria Servizi Hcfs, guiderà per il prossimo biennio la Efci (European cleaning and facility services industry), l’associazione europea con sede a Bruxelles che riunisce le imprese del cleaning e del facility. Un riconoscimento per Mattioli che […]

Leggi tutto

ASSOSISTEMA

Prezzi di riferimento ANAC lavanolo sanitario – Aggiornamento trimestrale GENNAIO 2023 – prot. n. 22/23

Il contenuto selezionato è consultabile solo dagli utenti registrati. Effettuare il Login utilizzando il form nella barra laterale destra, e successivamente cliccare QUI.

Leggi tutto

ANID

Certificazione A.N.I.D. in scadenza o già scaduta? Il piano formativo 2023 è la soluzione

L’Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione consente ai possessori di certificazione delle competenze in scadenza o già scaduta, rilasciata da A.N.I.D., di adeguarsi attraverso il nuovo piano formativo 2023 da 88h. CONSULTA IL PIANO FORMATIVO 2023 - 88H. Allineamento alle 88h.: Coloro in possesso del certificato A.N.I.D. di 40h, 60h o 80h potranno, se lo ritengono opportuno, [...]

Leggi tutto

UNIFERR

MEDIA